HomeOrto botanicoErbariStrumenti didatticiAmbienti naturaliAmbienti antropiciScienza e botanica
Struttura
Ricerca
Personale
Biblioteca
Corsi
Per le Scuole
Eventi
Bandi
News
Web mail
Web cam
Dove siamo
Link
Contatti

Mappa del sito
Download offerte educative Didattica per le scuole

“Catania e i suoi antieroi contemporanei”
“Catania e i suoi antieroi contemporanei”, di Roberto Barbato. E’ questo il titolo della mostra che verrà inaugurata sabato 18 ottobre presso i locali dell’Orto Botanico di Catania, la storica istituzione catanese che per festeggiare i propri 150 anni, sta organizzando una serie di eventi culturali destinati al pubblico ed agli studiosi. La mostra infatti, che si concluderà sabato 25 e che sarà fruibile al pubblico gratuitamente dalle 9.00 alle 18.00, è solo l’ultima iniziativa in ordine di tempo che il Dipartimento di Botanica sta preparando. Il filo conduttore delle rassegne è sempre lo stesso: valorizzazione della “catanesità”, delle sue bellezze e soprattutto dei suoi talenti.
Roberto Barbato, pittore figurativo classico del nuovo realismo contemporaneo, ne è uno straordinario esempio. “I colori e i segni sono fedelissimi ai soggetti trattati; descrivono con valente maestria quanto in oggetto e sono certamente all’altezza dei più grandi figurativi della storia dell’arte contemporanea”. Questo è quello che pensano di lui numerosi critici del panorama artistico nazionale!
Talento, sensibilità e attaccamento alla città etnea, con le sue tradizioni, i suoi colori e i suoi “personaggi”, sono solo alcune delle caratteristiche che fanno di lui un artista sempre attento a descrivere e cogliere l’espressione umana negli attimi più intimi, quelli legati alla quotidianità. Riesce infatti a ritrarre con particolare maestria e in modo del tutto naturale dei frangenti di vita vissuta ogni dì, da noi forse poco presi in considerazione, ma che invece segnano le nostre tradizioni locali, rievocando il passato in un presente forse troppo coinvolto dalla visione futuristica della vita stessa. Testimonianza ne sono quegli storici luoghi catanesi che più ama dipingere, come la pescheria, il mercato, villaggi di pescatori ma non disdegna i luoghi anonimi, indefinibili, quelli che si vedono ogni giorno, a cui si tende non dare particolare importanza ma che inesorabilmente si stratificano nelle coscienze di ognuno di noi. Tutto ciò e molto altro ancora, viene rappresentato sulla tela dal cinquantenne pittore, in un’esplosione di squillanti colori, vivaci e brillanti cromie che regalano ai suoi lavori una veste particolarmente piacevole e luminosa.
Sono già numerosi e importanti i riconoscimenti che l’artista Roberto Barbato ha ricevuto nel corso della sua ancora breve carriera artistica. Nel resto d’Italia, molti si sono accorti della sua specificità che tuttavia deve ancora vivere la sua consacrazione a Catania, nella sua città, di cui ritrae ogni bellezza e ogni attimo di vita.

Critiche
(tratto dalla rivista d’arte “ BOE’ “ anno 2004)
Roberto BARBATO
Il realismo dei nuovi antieroi contemporanei

Minuziosi, realistici, i dipinti di Roberto BARBATO sono emozionanti per la loro immediatezza rivelatrice di dettagli quotidiani, familiari, ma carichi soprattutto di umana spontaneità. La sua è una pittura largamente corale, rappresentativa, precisa naturale. Osserva la gente, la incontra e ne intuisce i caratteri particolari: la malinconia dell’anziana donna che sopporta la durezza del destino atavico dei pescatori; l’uomo anziano che passeggia solitario lungo una strada assolata, quasi a rappresentare la malinconia di colui che è consapevole di aver vissuto a lungo; il pensoso atteggiamento dell’uomo del banco del pesce spada in un attimo di stupore silenzioso, dopo del quale riprenderà il concerto scompensato delle voci più disparate del brulicante mercato. In pratica Barbato vede l’uomo al centro del gioco della vita quotidiana, di fronte al proprio destino e, anche se a volte il tea è amaro, le vivaci, le brillanti cromie regalano ai suoi lavori una veste piacevole, luminosa. I soggetti delle sue tele sono i nuovi antieroi contemporanei, riportati come immagini,
simboli, parte integrante della sua città viva, in continuo movimento e che può regalare un numero infinito d’opportunità di ispirazione, una full immersion di tali spunti. Bellezza, meraviglia, poesia ritrovata nei protagonisti di un quadro, lo sono della vita e delle abitudini dell’artista, in una realtà non sempre sublime, nobile.
Barbato svela spaccati odierni che in apparenza sono normali, inoffensivi ma che in seguito si rivelano carichi di sentimento, di emozioni. Luoghi anonimi, indefinibili, intercambiabili che si vedono ogni giorno, senza ragioni per essere ricordati, ma che fanno parte della quotidianità e si stratificano nelle coscienze. Quando riemergono dal ricordo egli li sceglie per offrirceli in un’esplosione di squillanti colori sulla tela. Sono brevi cronistorie di gesti scene di margine che attraversano la vista senza lasciare il segno che riesce a raccontare con dovizia di particolari evidenziando i sentimenti, le emozioni racchiuse nelle piccole cose, nei frammenti di vita.
Lina Franza

(tratto da “ AVANGUARDIE ARTISTICHE” anno 2008)
Il realismo dei nuovi antieroi contemporanei

“L’artista Roberto BARBATO nelle sue opere, riesce a designare i personaggi, colti in particolari attimi della loro giornata lavorativa.
Riesce a riprodurre perfettamente quei piccolina significativi particolari, a volte difficili da cogliere, riuscendo a trasmettere all’osservatore una sensazione di trasporto verso l’opera stessa. Ci permette, in un certo senso, di entrare in contatto con le intime rielaborazioni del reale di cui ci rende partecipe”

Sempre attento a descrivere e cogliere l’espressione umana negli attimi più intimi e più legati alla quotidianità, Roberto Barbato in ogni sua opera dona poesia e liricità all’essere umano.
Il lavoro umile, il cammino di ogni giorno, le speranze e le illusioni di ognuno di noi vengono rappresentati attraverso un’attenta analisi del sentimento e del ruolo umano.
I colori e i segni sono fedelissimi ai soggetti trattati; descrivono con valente maestria quanto in oggetto e sono certamente all’altezza dei più grandi figurativi della storia dell’arte contemporanea.
Ogni aspetto particolare dei soggetti altre ad essere carico di efficacia è pieno di una validità prorompente, di un profumo di quotidianità universale che è comune alla vita di ognuno di noi. L’animo sensibile e attento dell’artista è stato il motore di tutta la sua produzione che sicuramente sarà sempre apprezzata da qualsiasi persona dotata di empatia. Tutte le opere sono impostate secondo le regole di rigore formale ed espressivo; sono gioielli fra i più preziosi del tesoro che l’arte è in grado di offrire da sempre alla nostra attenta fruizione.
Sandro Serradifalco

(tratto dall’annuario arte moderna “ ACCA” anno 2001)
Il realismo dei nuovi antieroi contemporanei

“L’espressività, la sensazione di essere parte integrante delle opere di Roberto Barbato fanno riflettere sulla possibilità di potersi proiettare in una dimensione diversa rispetto a quella vissuta quotidianamente. Sembra strano, ma ci troviamo innanzi ad un pittore, autodidatta, che ritrae in modo del tutto naturale dei frangenti di vita vissuta ogni dì, da noi forse poco presi in considerazione, ma che invece segnano la nostra storia, rievocando il passato in un presente forse troppo coinvolto dalla visione futuristica della vita stessa”
Lucia Rocca

Premi
“La pescheria”
1° Premio nazionale Natiolum
Giovinazzo (BA)(Ottobre 2004)

Premio “Pittore dell’anno”
Bovino - Foggia

“La fiera di Piazza Carlo Alberto “
Piatto d’Argento
15° concorso nazionale di Pittura Claudio e Luca Zanetti
Osio Sotto (BG)(Luglio 2004)

“Il banco dello spada”
2° premio concorso nazionale Solaris (Agosto 2005)

“Da Paolo”
Premio miglior pittore figurativo
concorso nazionale Solaris (Dicembre 2005)

Contatti
Roberto BARBATO
95121 – CATANIA
Tel. 095206956 - Cell. 3333245662
E-Mail – robertobarbato@yahoo.it
Sito: robertobarbato.eu





Torna Indietro    Locandina