Famiglia Russulaceae Roze

Tra le Russulaceae, i "Lattari" (in vernacolo, fłncia lattara) annoverano alcune specie commestibili abbastanza ricercate quali Lactarius sanguifluus (Paulet) Fr., presente in cenosi a pino laricio al pari di L. vinosus Quél. e L. deliciosus (L.: Fr.) Gray (russiddu), specie quest’ultima rinvenuta pure in bosco misto (Bosco della Cubania, Milo, Etna versanti ovest e sud-ovest) e  L. semisanguifluus Heim & Leclair (meno pregiato dal punto di vista gastronomico), presente in pineta (Piano Provenzana, Citelli, versante sud-ovest Etna).

Tra le specie non commestibili, perché dal sapore acre o amaro: L. blennius (Fr.: Fr.) Fr., rinvenuto in faggeta e bosco misto (Etna nord), L. zonarius (Bull.) Fr., presso querce, faggi e betulle (Rifugio Citelli, Monte S. Maria, "Cerrita"), L. chrysorrheus Fr., (sospetto) in betuleti, faggete, pioppeti e in cenosi a leccio (ove si rinviene pure L. vellereus (Fr.: Fr.) Fr.; fłnciu di cani), e L. piperatus (L.: Fr.) Pers. (fłnci di cani, f. di basiliscu, basilisco = Cachrys sp. pl.) presente anche presso castagni, betulle e in bosco misto (Etna nord, Rinazzi, S. Alfio).

Simbionti della betulla (Bosco Cubania, Rifugio Citelli), sono pure L. torminosus (Schaeff.: Fr.) Pers. (fłnciu stumacusu, stomachevole, perché provoca coliche), presente anche in bosco misto di betulle e lecci e L. controversus Pers.: Fr., rinvenuto anche in castagneti, leccete e presso pioppi (zona nord-ovest di Fornazzo, Milo) e ricercato da taluni per la conservazione sott’olio, nonostante il sapore amaro della carne e del latice, ma dai pił ritenuto non commestibile al pari di L. fuliginosus (Fr.: Fr.) Fr. (cerreta; bosco del Flascio).

Tra le specie eduli del genere Russula (in vernacolo palummeddi virdi, russi, janchi, nģuri; "colombine" verdi, rosse, bianche, nere, in rapporto al colore) sono da ricordare R. cyanoxantha (Schaeff.) Fr., in cenosi a betulla e a pino laricio, presso faggi e in bosco misto (Rifugio Citelli, Milo, Etna sud est e sud ovest), R. vesca Fr., presso aghifoglie e latifoglie (Milo) e sotto querce, ove si rinviene anche R. rubroalba (Sing.) Romagn., presente anche in castagneto al pari **R. olivacea (Schaeff.) Pers. (S. Alfio, Tardaria).

Presso pino laricio si rinvengono R. cessans Pearson, R. mustelina Fr., R. xerampelina Schaeff.: Fr. (mediocre) e R. turci Bres.,; presso pino laricio, latifoglie e in bosco misto, R. heterophylla (Fr.: Fr.) Fr., R. parazurea Jul. Schäff., R. aurea Pers. (= R. aurata) e R. risigallina (Batsch) Sacc. (= R. lutea, = R. chamaeleontina).

Tra le specie di minore o scarso pregio gastronomico: R. delica Fr. (fłnci di cani, fłnci di ilici = leccio) in castagneto, querceta e bosco misto (Etna nord-est, Milo, Tardaria), R. nitida (Pers.: Fr.) Fr., in betuleto, R. lepida (Fr.: Fr.) Fr., in cenosi a leccio e a pino laricio e presso latifoglie (Bosco Nicolosi), R. chloroides (Krombh.) Bres. (castagneto, faggeta). Tra le specie non commestibili R. albonigra Kromb., R. torulosa Bres. presso pini ed esemplari di pino laricio in betuleto (Monte Maletto, Etna versante sud-est), R. fragilis (Pers.: Fr.) Fr., (pini e latifoglie), R. densifolia Gillet, (betuleto) e R. acrifolia Romagn., in betuleto e presso lecci (Etna sud-est, Bosco Nicolosi) e, in genere, abbastanza diffusa, come altre specie congeneri, nei boschi etnei.

Tra le specie tossiche, R. foetens Pers.: Fr., (fłnciu fitenti, fungo puzzolente), R. laurocerasi Melz. (specie sospetta), rinvenuta presso lecci e altre latifoglie, R. emetica (Schaeff.: Fr.) Pers. (fłnciu stumacusu, stomachevole) in boschi di latifoglie (Etna sud-ovest) e R. emetica var. silvestris Sing., presente nel medesimo habitat, ma anche in boschi di aghifoglie ove si rinvengono pure R. sanguinaria (Schum.) Rauschert (= R. sanguinea) e R. torulosa Bres. var. fuscorubra (Bres.) Blum.