HomeProgettoBiodiversitàConservazioneNormativaBancaLinks

Area riservataNewsForumContatti
PROGETTO
Presentazione
Il progetto
Partners
Il territorio
Obiettivi
Le ricadute sociali
Considerazioni conclusive
 
METODOLOGIA
Habitat e taxa studiati
  Raccolta e selezione dei semi
  Caratterizzazione dei semi
  Trattamento del materiale
  Deidratazione
  Confezionamento e stoccaggio
  Protocolli di germinazione

 

Bibliografia
 
Presentazione


Negli ultimi decenni, la riduzione dell'estensione di molti ecosistemi naturali causata dagli effetti delle attività umane e dei conseguenti cambiamenti climatici, ha portato da una parte, alla riduzione della diversità biologica provocando l'estinzione di diverse specie, e dall’altra, alla riduzione della variabilità genetica intraspecifica che consente alle varie specie di adattarsi al mutare delle condizioni ambientali, alle variazioni climatiche globali, ai nuovi patogeni, ecc.

Nel bacino del Mediterraneo, dove è attualmente concentrata la più grande biodiversità europea, la minaccia ambientale ha assunto una dimensione particolare a causa di condizioni bio-climatiche limitanti che fanno sì che i sistemi naturali siano fragili ed a rigenerazione lenta. A questo si aggiunge l’intenso processo di antropizzazione del territorio, soprattutto lungo le zone costiere, che ha portato alla frammentazione dei sistemi naturali ed alla comparsa di importanti processi di deterioramento, due fenomeni che minacciano seriamente la ricchezza del patrimonio naturale. La situazione è stata ulteriormente aggravata dal recente sviluppo del turismo rurale che sta causando il deterioramento di spazi naturali considerati finora relativamente inalterati. Di fronte alla complessità ed all'estensione di questi fenomeni, risulta ovvio che occorre non limitarsi ad interventi settoriali regionali ma, al contrario, collocarsi nel quadro di azioni condotte in completa sinergia su tutto il bacino.




In questo contesto di preoccupazione generalizzata per il deterioramento della biodiversità, si inserisce il progetto europeo GENMEDOC che sostiene la necessità di adottare, in tutto il bacino, direttive comuni di gestione e conservazione del materiale genetico della flora delle regioni mediterranee.

Il progetto GENMEDOC, cofinanziato dall’Unione Europea, si inquadra tra le iniziative volte alla conservazione e alla valorizzazione della biodiversità, una delle priorità ambientali europee. Ciò figura come uno degli Assi prioritari del programma comunitario INTERREG IIIB MEDOCC che sostiene progetti volti alla cooperazione transnazionale nell’ambito dello sviluppo territoriale dei paesi del Mediterraneo occidentale.

La valorizzazione, la protezione e la gestione del patrimonio naturale costituiscono il punto focale di questo asse che include lo sviluppo di reti ecologiche europee di supporto a NATURA2000.

Fonti:
Fiche projet GENMEDOC. Appel à proposition 2003-2004 Programme INTERREG IIIB MEDOCC -
Caratterizzazione e valorizzazione delle risorse genetiche vegetali, animali e microbiche: Inquadramento del problema - link

 
  @ 2005 Made by Mediaetna | Credits