U Prisèpiu sicilianu

«Sutta ‘n peri di nucidda, / cc’è na naca picciridda / cci annacaru lu-Bbamminu / San Ggiuseppi e San Jachinu»
Secondo un antico canto siciliano, Gesù Bambino sarebbe venuto al mondo in una piccola culla ai piedi di un nocciolo.
Scendendo dalle stelle, nel 2002, il piccolo Gesù non è nato «.. al freddo e al gelo..», ma è stato accolto, all’Orto Botanico di Catania, in una piccola grotta d’origine lavica, trasformata, per l’occasione, in un presepe il cui allestimento d’ambientazione desertica ha inteso rievocare la scenografia classica della Natività.
Nella Grotta - la cui volta è costituita da una copertura di lava spugnosa, interrotta da aperture attraverso le quali filtra una tenue luce - per rispettare l’habitat che caratterizza i dintorni di Betlemme, è stato ricostruito l’ambiente tipico della macchia mediterranea, utilizzando rami d’Ulivi, Carrubi , Lecci e Palme, le cui fronde sono assurte a simbolo di pace, nella tradizione cristiana.

In Sicilia, la consuetudine di preparare il presepe, risalente al XVI secolo, era diffusa in ogni ceto sociale e così pure la tradizione d’invitare i sunaturi e-ll'orbi (musicanti ciechi) che eseguivano novene e ninne nanne, nei nove giorni precedenti il Natale.
Prima che cominciasse la novena, u Prisèpiu sicilianu si cunzava-ccâ carta tinciùta, u sùgaru, a sparacogna, u spinapùlici, i-rrama di chiuppu e di inìparu, l'agrifògghiu e-ll'arànci.

Per completare la scenografia, un gran foglio di cartoncino blu, puntiniàtu-cchî stidduzzi, che simulava il cielo, u çiumi di pannedda (fiume di carta stagnola), u lippu, i petri, a pùmiçi, a farina e u cuttuni sciusu sparso sui rami dell’asparago pungente, a guisa di fiocchi di neve.

Nel Presepe allestito all’Orto Botanico, un tocco di colore è stato dato anche da piccoli rami di rrussularu (Pyracantha coccinea Roemer) carichi di decorativi frutti.
Le arance, i mandarini, i frutti della Palma nana, la frutta secca, i datteri e i dolci posti all’ingresso e sopra la grotta, simboleggiano i doni offerti dai devoti a Gesù Bambino, adorato dai pastori e dai Magi che, venuti dall’Oriente, fanno rivivere un piccolo e lontano lembo di Palestina.

U paraturi arricchisce il presepio con tanti personaggi legati alla cultura popolare e contadina siciliana: l’acqualoru-ccô-bbummulu, u furnaru, u-rricuttaru, u vrucculàru, u friscalettaru, u cacciaturi ccâ scupetta, a vurdunàra , u piscaturi, u turraru, u craparu-ccû li pecuri, u vuttàru, u critaru, a lavannara, a nanna cchê puddicini e u ciaramiddaru ca sona a ciaramedda.

Tra le statuine, quella dû maravigghiàtu dâ Rutta, detto anche u spavintatu dû Prisèpiu, un pastorello che, con l’espressione del viso e il gesto delle mani, manifesta la sua meraviglia per l’abbagliante luce dâ stidda cumeta che rischiara a Rutta, vegliata da due ancileddi.

All’interno della grotta, u voi e-ll’asineddu, a Madonna-ccû San Giuseppi e la piccola mangiatoia vuota ove, allo scoccare della mezzanotte, è adagiato u-Bbammineddu.

A Cona

Col termine Cona (icona) si indica, sia un’effigie con un’immagine sacra, sia la nicchia (a-nnicca) o gli altarini (atareddi) con immagini del Cristo o di Madonne e Santi, ricavati all’interno delle edicole votive (nuvene) o nelle facciate delle abitazioni terrane.
Per celebrare la novena di Natale, nelle case siciliane, si parava a Cona, un’icona raffigurante la Sacra Famiglia.

A Cona si cunzava-cchê-rrama, i fògghi e i frutti di l’arànciu amaru, cchê mannarini e i lumìa, ccû spàraciu nìuru, u spinu-bbiancu e u cuttuni sciusu che simulava la neve. In segno d’offerta, sutt’â Cona, i devoti più abbienti mettevano cufina chini d’arànci, mannarini, cutugna, ficurìnia, nèspuli di nvernu, ranàti, cosa duci fatti ‘n casa e-ccicculatti.


Di fronte a-ttanta-gghiuttunarìa, i ragazzini più “intraprendenti” (i carusiddi-cchiù vìvuli), non resistendo alla tentazione, “spilluzzicavano” continuamente (piluccavunu in sichitanza)…., così, sovente, anche a Cona più riccamente addobbata rimaneva ornata solo di biancospino, asparago e bambagia. Da ciò, il detto: «Manciàrisi na Cona» che significa “mangiare a crepapelle”.

Al calar della sera, durante a sunata dâ ciaramedda, a Cona era illuminata con nove lumini, uno per ciascun giorno della novena.
La presenza dû ciaramiddaru ca scattiava a ciaramedda rendeva l’atmosfera festosa ma densa di raccoglimento; i presenti, infatti, aprivano u libbru dê prïeri , si raccomandavano â Madunnuzza e s’agginucchiàvanu ravanti a Cona, ppi scùrriri u Santu-Rrusàriu.
Tutto è pronto per celebrare la “festa più grande” (a festa-cchiù granni)…, anche a-zzuccata, il tradizionale ciocco che si brucia la notte di Natale.

A Nuven’i Natali

In Sicilia, l’usanza di celebrare la novena natalizia (a nuvena) affonda le sue radici in un lontano passato e, ancora oggi, sopravvive in alcuni paesi dell’Isola. Col termine nuvena s’intende anche un canto natalizio che, anticamente, durante i nove giorni precedenti la vigilia di Natale, era eseguito, davanti al presepio, dai ninariddari, dai ciaramiddari o da suonatori di strumenti a fiato.

I ninariddari andavano in giro per le case e sostavano anche davanti alle putìe, accompagnando con la musica le cosiddette ninnareddi, cantate natalizie che, fino al 1867, erano eseguite di notte. Erano attorniati dê carusi dô quarteri che, radunati per ascoltare quelle nenie dolcissime, approfittavano dell’occasione ppi-ffari na manciàta di càlia e ssimenza, intonando un canto che, originariamente, era un inno di lode al Bambino e che, nel tempo, ha perso gli antichi contenuti, diventando canzonatorio e privo di significato:
«Nini, nini, lu ciaramiddaru,/ ttri-ppidòcchia l’assicutàru,/ l’assicutàru vanèddi vanèddi, scì picciòtti-cchi sona-bbeddi»…
Alla fine della Novena era tradizione che il capofamiglia o u putiàru regalassero al ninariddaru un tipico dolce natalizio ripieno di frutta e fichi secchi: u-bbucciddatu.

A Nuvena era caratterizzata dalla scattiata dâ ciaramedda davanti ad un altarino (figuredda) rappresentante un piccolo presepe, sul quale era posta un'icona raffigurante la Natività.

A figuredda era addobbata con rami d’alloro, agrumi e fiori ed illuminata, al pari della Cona, con nove candele o nove lumini.

La novena dê ciaramiddara era suddivisa in quattro tempi (i cosiddetti caddozzi) ciascuno della durata di circa dieci minuti. Nel primo tempo, veniva suonata una melodia popolare dedicata a Sant’Antuninu, nel secondo, una in onore di San Ggiuseppi; il terzo tempo consisteva, perlopiù, in una serie d’invocazioni alla Madonna e ai Santi (a litanìa). L’ultimo caddozzu, infine, era eseguito a-ppiàciri, ossia a scelta dû ciaramiddaru o dû patruni ri casa.

U Pranz’i Natali

In passato, quando i fedeli, a notti dâ vigìlia, andavano in chiesa ppi-ffari a vègghia e-ppi vidìri nàsciri u-Bbamminu, recavano con sé pietanze e dolciumi d’ogni genere, da consumare durante la funzione. Tale usanza fu drasticamente abolita dalla Chiesa che, a Palermo, la notte di Natale del 1647, fece accurati controlli per evitare irriverenti banchetti durante la celebrazione del Natale.
Dei lauti pranzi delle festività natalizie e di fine Anno, protagonisti, sulle tavole siciliane ornate a festa, sono i legumi, le verdure fresche e conservate sott’olio, le carni insaporite con gli aromi mediterranei, i pitittìuli "cusciuzzi", il pollame ruspante , il pesce, tra cui le aringhe e u stoccafissu, i vini , i dolci e i liquori fatti in casa.

Non possono mancare il buon pane mpastàtu ntâ maìdda e la frutta tra cui quella candita e quella sutta spiritu conservata dentro piccole bottiglie di vetro tappate dall’originale turacciolo ccû la mamma-çiocca e li puddicini.

I pusati ncruci, allatu ô piattu
, sono in segno di buon augurio, perciò, …. bbon’appitittu….

Gli antipasti sono a base di pumaroru siccati supra u cannizzu, d’alivi, furmàggiu e-ssalami nustranu, tra cui l’appetitosa supprissata, d’arancini di-rrisu, di panuzzi inchiùti-cchê cauliçiuri e di pisci-di-terra, una frittata fatta con finocchi, uova e ogghiu di chiddu-bbonu.

Come primi piatti, u-rrisottu-ccô-rragù di fùnci purcini, a pasta e i maccarruna “.. fatti a-mmanu, "ccô fusiddu da-zza Cuncittina …" nciliàti ccâ-rricotta salata e insaporiti ccû pipi ardenti, i muffulittedda di ricotta e u pastizzu di Natali, ripieno di cavoliçiuri o di broccoli.

Tra i secondi piatti, i frìttul’i maiali ccû-ll’aranci (pezzi di carne di maiale con insalata d’arance) a nuzza, tacchina ripiena di riso, uova, formaggio e-ssupprissata piccanti e il bollito di carne, insaporito con marmellata di cipolle, ottima anche per accompagnare i formaggi al peperoncino. Immancabile, u piscistoccu a gghiòtta, stoccafisso cucinato in umido, con olio, un soffritto di cipolla, patate, conserva di pomodoro, olive bianche, capperi e sedano.

Tra le verdure, i cardi fritti (amùnii), i cacòcciuli e i pipi arrustuti, da consumare soprattutto durante a scampagnata di Santu Stefanu.

E, poi, a frutta frisca e-ssicca, a frutta vugghjuta da spolverare con zucchero a velo, a frutta ncunfittata, ricoperta con caramello o cioccolato e i mannarini da preparare spicchjati-cchê frauluni oppure chini e-ggilati, ossia ripieni di poltiglia della loro polpa mista a biscotti tritati, e ricoperti con vino bianco, zucchero e scorze di limone.

Per finire, l’immancabile bbucciddatu, farcito con fichi, mandorle tritate, uva passa e vino cotto, i candìti colorati ccâ-cuddura di ficu e a cassata.

Dopo pranzo, na cìcara ri cafè, nu-bbicchierìnu di-rrosòliu e na-bbedda fumata con una pipa di terracotta dall’imboccatura di canna. Perché, come recita un vecchio detto siciliano: «Si-vvòi fumari daveru pulitu, / pipa di rasta e-bbucchin’i cannitu».

U pranzu dâ Sacra Famigghia

Un inedito canto natalizio siciliano narra di quali poveri cibi fosse costretta a cibarsi la Sacra Famiglia:

«... San Ggiusippuzzu-ccâ Sacra Famigghia, ttruvau sulu scòcci e-ccanigghia / e nun putènnu-cchiù diunari / scòccia di nuci si mis’a-mmanciari,… /… spicchja d’arànciu e di mannarinu / ppi la Maronna e-ppi lu-Bbamminu....
.... San Ggiusippuzzu bbivìa na-bburàccia / e si manciava u pani-ccû-ll'àccia…/...ne, mischineddu, quàntu iùnci, ttruvava chiàppara e-ccucunci...
»

Soltanto crusca, dunque, mallo di noci, spicchi d’agrumi e pane col sedano, accompagnato dal vino spillato dalla bburàccia, ricavata dalla zzucchetta o “zucca-fiasco”, e chiusa con un tappo di ferula (ccû stuppàgghiu di ferra).

Spesso, il “meschinello”, senza fatica, non trovava neanche i capperi e i loro frutti (cucunci);

«...San Ggiuseppi sutta la-ggiùcca / si purtava lu farru a la vucca…»

Il povero falegname, coperto dal suo mantello, si nutriva di una minestra di farro, cereale di remote tradizioni, fondamentale nell'alimentazione degli antichi romani che lo abbrustolivano e lo offrivano, durante i sacrifici, dopo averne mescolato la farina, col sale (mola salsa).

«.. Quannu Ggiuseppi era malatu / n’avia-cchiù né armu, né çiatu /...... n’avìa-ddui alivi d’intr’a-bbrunìa, / San Ggiuseppuzzu la fami patìa…... N’avìa ògghiu, n’avìa vinu, sulu carrubi, santu e-mmischinu, / e nun putènnu-cchiù diunari, erva sarvàggia si mis’a-mmanciari.. »..
«.. Quannu era stancu, ppi non cascari, ntô so vastuni si ieva a-ppujiari, / e s’assittava supra na seggia, ma la pignata era sempri leggia….»

Quando Giuseppe era malato, non aveva cibo d’intr’a-bbrunìa, un recipiente di terracotta o vetro dentro cui si conservano legumi, verdure, olive in salamoia, conserva di pomodoro, sugna e altri alimenti.
E non possedeva né vino, né olio, ma soltanto carrube, perciò, stanco per gli stenti, si appoggiava ad una verga d'Oleandro, detta vastuni di sangiuseppi e raccoglieva erbe selvatiche, per riempire la pentola vuota«.. San Ggiusippuzzu vui siti beddu / ma nui manciamu pani e-ccuteddu…»I cibi legati alla tradizione di San Giuseppe erano destinati, perlopiù, alle mense dei braccianti (travagghjaturi, iurnateri, misalori), dei piccoli artigiani o dei più poveri che si nutrivano di “pane e coltello”, “condito” soltanto dal tocco della lama che lo tagliava.
A riscattare San Giuseppe dalla povertà, nella notte fredda, la gioia per l’arrivo del Messia che, per non vedere più soffrire i suoi genitori, li premia, facendo sbocciare mille piccoli fiori.

«…… Fora lu friddu ca si pizzïa / ntâ Santa Rutta, nascìu lu Missìa / la Madunnuzza, prïata, chiancìa / San Giusippuzzu-cchiù-ffami n'avìa…
… Duci-Ggisuzzu, figghiu d'amuri, duci-Ggisuzzu li vosi primiari, / ppi nun virilli-cchiù piniari, milli çiuriddi-cci fici spuntari……"»

Li pianti-ddedicati a-Ggesu, Ggiuseppi e-Mmaria

Per sottolineare l’umile esistenza di San Giuseppe, la tradizione popolare dedica al Santo un fiore semplice e delicato, il narciso o çiuri i Sangiuseppi (Narcissus poeticus L.). A Cristo, è dedicato u catusieddu dû Signuruzzu; alla Madonna, i ciuri di maju o fiori di maggio (Chrisanthemum coronarium L.), il glicine (Wisteria sinensis Sweet) e i çiuriddi di Maria, i piccoli fiori rosa che formano le decorative infiorescenze dell’Albero di Giuda (Cercis siliquastrum L.).

 
 
made by mediaetna