Compositae
Chiudi
Cerbottana  
Montanoa bipinnatifida K. Koch
AreaOrigine
Messico
Etimologia
Il termine generico è dedicato al medico e naturalista messicano L. Montaña. Il termine specifico allude alla morfologia delle foglie.
Collocazione e caratteristiche
Settore: VII 17 XXI 47
Numero: DF
Collezione: Piante esotiche
Dimensioni: Altezza: 2 m
Stato di conservazione: Buono
Disponibilità semi:
Portamento
Grande arbusto sempreverde, eretto, cespuglioso, alto 2-3 m.
Foglie
Le foglie sono grandi, opposte, profondamente divise in segmenti con margine grossolanamente dentato, scabri superiormente, pelosi sulla pagina inferiore.
Fiori
I fiori sono riuniti in capolini del diametro di ca. 10 cm, con fiori ligulati bianchi e fiori tubulosi gialli, raggruppati in vistose pannocche terminali.
Frutti
I frutti sono acheni obovoidei, sormontati da un pappo.
Periodo di fioritura
Fiorisce tra l'autunno e l'inverno, nei mesi di Novembre e Dicembre.
Coltivazione
Cresce bene all'aperto nelle regioni a clima mite. Predilige terreno ricco e ben concimato, esposizioni calde e soleggiate, al riparo dai venti. Non tollera il gelo prolungato.
Propagazione
Si moltiplica per talea di fusto in primavera o in estate oppure per divisione dei cespi in primavera.
Uso
Si coltiva come pianta ornamentale per la ricca e vistosa fioritura invernale, in esemplari isolati o in gruppi.
Curiosità
Dai rami cavi i giovani messicani, ricavavano le cerbottane; da qui il nome locale di 'cerbottana'.
Chiudi





© 2005 MEDIAETNA - Credits