Myrtaceae
Chiudi
Albero della gomma blu  
Eucalyptus camaldulensis Dehnh
Sinonimi
Eucalyptus rostrata Schlecht.
AreaOrigine
Australia
Etimologia
Il termine generico deriva dal greco 'eu' = bene e 'kalyptós' = coperto in riferimento ai boccioli fiorali provvisti di un opercolo che copre gli stami. Il termine specifico è dedicato al Duca di Camaldoli che nei primi dell'800, nel suo giardino vicino Napoli, coltivava diverse specie di eucalipti.
Collocazione e caratteristiche
Settore: III 36
Numero: DF
Collezione: Piante esotiche
Dimensioni:
Stato di conservazione: Buono
Disponibilità semi:
Portamento
Maestoso albero che può raggiungere i 40 m di altezza, con corteccia liscia che si stacca in sottili lamine longitudinali e rami penduli.
Foglie
Le foglie sono lanceolate (quelle giovanili ovali), a margine liscio e apice acuminato.
Fiori
I fiori sono solitari, o riuniti in 3-15 a formare una piccola ombrella, piccoli e insignificanti. Il calice è formato di 4 sepali saldati su cui poggia un opercolo (di derivazione corollina) che al momento dell'antesi, si stacca lasciando fuoruscire numerosissimi stami bianchi che costituiscono la parte appariscente del fiore. L'ovario è formato da 4 carpelli.
Frutti
Il frutto è una capsula a 4 logge.
Coltivazione
Non ha particolare esigenze colturali e tollera bene anche la salsedine.
Propagazione
Si moltiplica per seme.
Uso
E' coltivato come pianta ornamentale nelle regioni a clima temperato per il portamento e per la notevole rusticità.
Interesse
Dal tronco, in seguito a lesioni, fuoriesce una linfa resinosa di colore rosso impiegata, a scopo officinale, in diversi paesi (Giappone, Messico, Nuova Caledonia, Gran Bretagna).
Avversità
Può andare incontro a malattie crittogamiche delle radici e dei rami nonchè a parassiti animali quali cocciniglie e xilofagi.
Chiudi





© 2005 MEDIAETNA - Credits