Palmae
Chiudi
 
Chamaedorea oblongata Mart.
AreaOrigine
America centrale
Etimologia
Il termine generico deriva dal greco 'chamái' = per terra, al suolo e 'dory' = asta, lancia, in riferimento alla piccola taglia e ai fusti sottili e slanciati. Il termine specifico allude al portamento allungato della pianta.
Collocazione e caratteristiche
Settore: XIII 27
Numero: DF
Collezione: Palme
Dimensioni:
Stato di conservazione:
Disponibilità semi:
Portamento
Piccola palma a fusto eretto e sottile, alto 1-3 m.
Foglie
Le foglie sono pennate, in numero di 3-8, con 5-9 paia di segmenti da lanceolati a romboidali, di colore verde lucido sopra, più pallidi sotto.
Fiori
I fiori sono unisessuali su piante distinte (specie dioica), riuniti in infiorescenze che compaiono sotto la chioma, avvolte da una spata tubulosa, bruna; l'asse dell'infiorescenza è inizialmente verde e diviene arancione durante la fruttificazione.
Frutti
Il frutto è una bacca allungata, talora falciforme, inizialmente di colore arancione brillante, nera e lucida a maturità.
Coltivazione
Richiede temperatura superiore ai 18 °C, terreno ben drenato, esposizione ombreggiata.
Propagazione
Si moltiplica per seme.
Uso
Si impiega come pianta ornamentale.
Avversità
Può essere attaccata dal ragnetto rosso che causa ingiallimento delle foglie. La pianta può essere attaccata anche dalla cocciniglia farinosa, dalla cocciniglia bruna e da afidi.
Curiosità
E' stata introdotta nei giardini europei nel 1839.
Chiudi





© 2005 MEDIAETNA - Credits