Boraginaceae
Chiudi
 
Cordia myxa L.
AreaOrigine
Asia tropicale, Australia
Etimologia
Il termine generico è dedicato a E. e V. Cordus, botanici tedeschi del XVI secolo. Il termine specifico deriva dal greco 'myxa', nome comune della pianta.
Collocazione e caratteristiche
Settore: XXII 01
Numero: DF
Collezione: Piante esotiche
Dimensioni:
Stato di conservazione:
Disponibilità semi:
Portamento
Albero o grande arbusto alto fino a 10 m, glabro.
Foglie
Le foglie sono alterne, picciolate, ovate, lunghe 5-10 cm, poco lobate ai margini.
Fiori
I fiori sono bianchi, riuniti in infiorescenze a pannocchie, con calice formato da 5 sepali saldati e corolla con 5 petali anch'essi saldati in un tubo peloso all'interno. Gli stami sono 5, l'ovario è bicarpellare.
Frutti
Il frutto è tipo drupa.
Periodo di fioritura
Fiorisce in estate.
Coltivazione
Si coltiva all'aperto nei climi temperati, altrimenti in serra. Richiede terreno composto, in parte sabbioso.
Propagazione
Si moltiplica per talea.
Uso
Si utilizza come pianta ornamentale, tuttavia è poco diffusa.
Interesse
Il frutto è utilizzato a scopo officinale nei Paesi d'origine della pianta.
Chiudi





© 2005 MEDIAETNA - Credits