Cyperaceae
Chiudi
Cipero  
Cyperus alternifolius L.
Sinonimi
Cyperus involucratus Rottb.
AreaOrigine
Madagascar
Etimologia
Il termine generico corrisponde al nome greco della pianta, 'kypeiros' = cipero, forse da riferire a 'Kypros' = Cipro, isola sacra a Venere. Il termine specifico allude alla disposizione delle foglie nella rosetta apicale.
Collocazione e caratteristiche
Settore: Vasca 3 08
Numero: DF
Collezione: Piante esotiche
Dimensioni:
Stato di conservazione: Ottimo
Disponibilità semi: No
Portamento
Pianta erbacea perenne, giunchiforme, rizomatosa, caratterizzata da lunghi fusti eretti, pieni, alti fino a 1 m, trigoni, semplici, non articolati, riuniti in densi cespi ed inguainati alla base da numerose squame.
Foglie
Le foglie, riunite in densi ciuffi alla sommità dei fusti, sono graminiformi, di colore verde brillante.
Fiori
I fiori sono riuniti in spighe piccole e compresse, aggregate in ombrelle composte terminali, sottese da brattee fogliacee. Essi sono bisessuali, piccoli, privi di perianzio che è sostituito da brattee glumiformi, strettamente embricate, con 3 stami liberi ed ovario unico, sormontato da 3 stili.
Frutti
I frutti sono acheni trigoni.
Periodo di fioritura
Fiorisce tra la primavera e l'estate.
Coltivazione
Pianta sensibile al freddo, cresce all'aperto nelle regioni a clima mite. Predilige esposizioni soleggiate e terreno fresco e molto umido. Cresce rigogliosa se mantenuta sempre in acqua.
Propagazione
Si moltiplica per talea, per seme o per divisione dei cespi.
Uso
Coltivata come pianta ornamentale per decorare vasche e piccoli specchi d'acqua, ma adatta anche per coltura in vaso o in piena terra.
Avversità
Di norma non viene infestata da parassiti, talora dagli afidi verdi. Se l'acqua non è sufficiente, invece, le foglie mostrano l'estremità inscurita e i margini ingialliti, fino al completo disseccamento, mentre i fusti tendono ad appassire e ad afflosciarsi.
Curiosità
Questa specie è stata introdotta in Europa intorno al 1781 e risulta ampiamente naturalizzata, soprattutto in Portogallo e nella regione delle Azzorre.
Chiudi





© 2005 MEDIAETNA - Credits