Polygonaceae
Chiudi
 
Homalocladium platycladum L. H. Bailey
Sinonimi
Muehlenbeckia platyclados Meissn.
AreaOrigine
Isole di Salomone
Etimologia
Il termine generico è composto dai nomi greci 'omalós' = simile, e 'klados' = ramo, cioè con rami morfologicamente tutti uguali. Il termine specifico deriva dal greco 'platýs' = piatto, e 'klados' = ramo, in riferimento ai rami appiattiti.
Collocazione e caratteristiche
Settore: XVI 07
Numero: DF
Collezione: Piante esotiche
Dimensioni: Altezza: 1,50 m
Stato di conservazione: Ottimo
Disponibilità semi: No
Portamento
Arbusto sempreverde, eretto ed espanso, alto fino a 1 m, caratterizzato da rami appiattiti, nastriformi, verdi, articolati.
Foglie
La pianta per lo più è priva di foglie (afilla); solo i rami terminali, più giovani, portano delle foglie alterne, sagittate, sottili, glabre, di colore verde brillante, mentre piccole squame si riscontrano in corrispondenza dei nodi.
Fiori
I fiori sono molto piccoli, bianco-verdastri, riuniti in fascetti sessili, alternati ai margini dei rami in corrispondenza di ciascun nodo e sottesi da brattee squamiformi, scariose. Hanno un perianzio a coppa, formato da 5 segmenti, 8 stami ed ovario unico.
Frutti
I frutti sono nucule, avvolte dal perianzio divenuto carnoso e di colore purpureo a maturità.
Periodo di fioritura
Fiorisce tra la primavera e l'estate, da Maggio ad Agosto.
Coltivazione
Pianta abbastanza rustica, predilige esposizioni in pieno sole o anche in ombra parziale, terreno fertile e ben drenato.
Propagazione
Si moltiplica per seme o più comunemente per talea di rami in estate.
Uso
Si coltiva in parchi e giardini per il caratteristico portamento. Cresce bene anche in vaso come pianta d'appartamento.
Chiudi





© 2005 MEDIAETNA - Credits