Anacardiaceae
Chiudi
Falso pepe  
Schinus molle L.
AreaOrigine
Sud America (Ecuador, Perù)
Etimologia
Il termine generico deriva dal greco 'schinos', nome con il quale veniva indicato il lentisco (Pistacia lentiscus L.) per la somiglianza dei frutti e la presenza di resine. Il termine specifico è la latinizzazione di 'Mulli', il nome comune adoperato in Perù per denominare la pianta.
Collocazione e caratteristiche
Settore: X 17
Numero: DF
Collezione: Piante esotiche
Dimensioni: Altezza: 11 m; diametro del fusto: 40 cm
Stato di conservazione: Buono
Disponibilità semi:
Portamento
Albero sempreverde, con tronco nodoso, alto 4-10 m, chioma espansa e rami lungamente ricadenti.
Foglie
Le foglie sono alterne, imparipennate, lunghe fino a 20 cm, composte da 12-18 paia di foglioline opposte, lanceolate, denticolate ai margini, glabre, piuttosto ispessite, di colore verde glauco, aromatiche se stropicciate.
Fiori
I fiori sono unisessuali, piccoli, bianco-giallastri, con 5 sepali e 5 petali, riuniti in pannocchie ascellari pendule.
Frutti
I frutti sono piccole drupe globose, di colore variabile dal rosa al rosso corallo, in densi e vistosi grappoli persistenti a lungo.
Periodo di fioritura
Fiorisce in estate, nei mesi di Giugno e Luglio.
Periodo di fruttificazione
I frutti compaiono tra l'estate e l'autunno e persistono sulla pianta per tutto l'inverno.
Coltivazione
E' una specie semirustica, cresce all'aperto nelle regioni a clima mite, teme il gelo, mentre sopporta la siccità. Predilige esposizioni soleggiate e terreno di qualsiasi natura, ma ben drenato.
Propagazione
Si moltiplica per seme in primavera o per talea di legno semimaturo in estate.
Uso
Si coltiva comunemente come pianta ornamentale soprattutto per il portamento e per i frutti decorativi.
Interesse
Incidendo il tronco fuoriesce una resina utilizzata dalle popolazioni locali come gomma da masticare, mentre la corteccia polverizzata trova impiego come purgante per animali. I semi, invece, ricchi di oli essenziali volatili, sono usati, oltre che come sostituti del pepe, per ricavare, dopo macerazione in acqua, delle bevande fermentate, fortemente aromatiche.
Avversità
Il legno delle piante adulte, in corrispondenza di grossi tagli, viene facilmente attaccato dalle termiti.
Curiosità
Il nome comune 'Falso pepe' è legato ai semi dal sapore decisamente pepato, usati spesso per sofisticare il vero pepe. Oltre ai frutti, tutte le parti della pianta, se stropicciate, emanano un intenso odore di pepe.
Chiudi





© 2005 MEDIAETNA - Credits