Fabaceae
Chiudi
Sofora, Robinia del Giappone  
Sophora japonica L.
AreaOrigine
Cina, Giappone, Corea
Etimologia
Il termine generico deriva dal nome arabo di una pianta indeterminata, presumibilmente simile, anch'essa a fiori papilionacei. Il termine specifico allude all'area di origine della specie.
Collocazione e caratteristiche
Settore: X 21 XII 16
Numero: DF
Collezione: Piante esotiche
Dimensioni: Altezza: 10 m; diametro del fusto: ca. 40 cm
Stato di conservazione: Ottimo
Disponibilità semi: No
Portamento
Albero deciduo, alto 10-20 m, con tronco contorto e nodoso negli esemplari adulti e chioma espansa e rotondeggiante.
Foglie
Le foglie sono alterne, imparipennate, composte da 9-15 (11-13) foglioline ovato-oblunghe, acute all'apice, glabre, di colore verde-scuro lucido sulla pagina superiore, glaucescenti su quella inferiore.
Fiori
I fiori, lunghi ca. 1 cm e riuniti in dense pannocchie terminali, hanno calice campanulato, 5-dentato e corolla papilionata, di colore bianco-giallastro.
Frutti
I frutti sono baccelli moniliformi, di colore scuro.
Periodo di fioritura
Fiorisce in estate, nei mesi di Giugno e Luglio.
Coltivazione
Pianta abbastanza rustica e resistente al freddo e alla siccità, predilige esposizioni soleggiate e terreno fertile e ben drenato. Particolarmente decorativa e assai diffusa in coltura è la varietà pendula alta fino a 3 m e con portamento piangente.
Propagazione
Si moltiplica per seme in autunno o per talea di legno tenero in estate.
Uso
Si coltiva comunemente per la chioma densa ed espansa e per la fioritura; è molto frequente nelle alberature cittadine.
Interesse
La pianta fornisce un legno di ottima qualità, compatto, solido e durevole. Dai baccelli e dai fiori viene ricavato un colorante giallo.
Curiosità
La Sofora è stata importata in Europa nel 1747 in Francia, nel 1763 in Inghilterra e solo alla fine del secolo pervenne in Italia in un giardino di Firenze. Le foglie e i frutti contengono un eteroside tossico, la soforina, usato in Cina per sofisticare l'oppio.
Chiudi





© 2005 MEDIAETNA - Credits