HomeOrto botanicoErbariStrumenti didatticiAmbienti naturaliAmbienti antropiciScienza e botanica
Introduzione
Erbari on line
I raccoglitori
Guida all'erbario

Torna indietro


Dipartimento di Botanica
 

Agostino Goiran (1835-1909)

Nacque a Nizza nel 1835 dove morì nel 1909, dopo aver conseguito il diploma per l'insegnamento delle Scienze fisiche e matematiche presso l'Università di Torino, fu insegnante prima a Nizza e poi a Lodi, Sanremo, Casale Monferrato ed in alcune altre località. Nel 1869 giunse a Verona, dove insegnò fisica e storia naturale. Nel 1874 divenne socio effettivo dell'Accademia di Agricoltura, Commercio e Arti di Verona, ricoprendo varie cariche, tra cui quella di direttore del Museo Accademico e di relatore della Commissione per il riordino dell'Osservatorio meteorologico. Nel 1900 lasciò l'insegnamento e nel 1904 abbandonò anche Verona per far ritorno a Nizza. Gli interessi scientifici di Goiran furono in parte rivolti alla sismologia in particolare oggetto delle sue osservazioni furono i fenomeni sismici verificatisi in Monte Baldo, per le quali utilizzò il "pendolo di Foucault". A partire dal 1876 l'attività di ricerche di Goiran si fece più sistematica: le osservazioni a Monte Baldo lo portarono a sviluppare una propria tesi in proposito: "il lago di Garda ed il Monte Baldo, funzionano come due giganteschi sismografi, i quali, mentre
regolano le condizioni sismiche della regione nostra, accennano benanco e preannunziano frequentemente, se non sempre, quelle che si vanno maturando in altre finitime ovvero più o meno remote" . Dopo la pubblicazione della Storia sismica Goiran pose in funzione un osservatorio sismico presso il Liceo Maffei di Verona.
Come botanico si dedicò allo studio della flora veronese, al punto che la commemorazione di Massalongo e di Biadego citano quasi esclusivamente sua attività.


Riferimenti
www.storing.ingv.it


Torna indietro


>>> made by Mediaetna