HomeOrto botanicoErbariStrumenti didatticiAmbienti naturaliAmbienti antropiciScienza e botanica
Introduzione
Erbari on line
I raccoglitori
Guida all'erbario

Torna indietro


Dipartimento di Botanica
 

József Pantocsek (1846-1916)

Nasce il 15 Ottobre del 1846 a Nagyszombat, qui, dove suo padre esercitava come medico e farmacista, inizia i suoi studi. Laureatosi in medicina presso la facoltà di medicina dell’Università di Vienna esercitò come medico nel distretto di Tavarnok. Nel 1896 fu nominato direttore dell'ospedale pubblico nella città Pozsony (Bratislava). Fu il primo ad utilizzare l'apparecchiatura dei raggi X in ospedali ungheresi. Oltre ad avere una vasta conoscenza delle scienze mediche era un botanico. Il suo interesse per l’agronomia iniziò da giovane. Ancora bambino si interessò alla flora del Nagytapolcsany, presto si dedicò allo studio botanico delle montagne di Tatra. Nel 1868 all’età di 22 anni venne pubblicata la sua prima carta, una guida botanica che comparve sul periodico Botanische Zeitschrift, seguita da alcune pubblicazioni. Dal 1874 ha contribuito alla conoscenza della flora e della fauna di Hercegovina, di Crnagora e di Dalmatia. Considerato una delle figure più importanti dell'algologia ungherese, ha pubblicato in latino, tedesco ed ungherese. La sua collezione è conservata nel museo ungherese di storia naturale a Budapest. È morto il 4 settembre 1916 a Tavarnok all’età di 70 anni. Pantocsek fu inoltre il primo ad aver descritto la flora del Montenegro. Dal 1880 si dedicò interamente allo studio delle diatomee, Anche se non ci sono le informazioni sul inizio effettivo della sua attività nello studio della diatomea, sappiamo che la prima parte del suo enorme lavoro: Il der Fossilen Bacillarien Ungarns di Kenntnis dello zur di Beitrage è stato pubblicato in 1886, discussione le diatomee fossili dell'Ungheria (storica). Le sue pubblicazioni sono tutte illustrate di sua mano con l'inchiostro di china, significative non solo come documenti scientifici dettagliati ma anche come illustrazioni botaniche prestigiose.

Riferimenti
www.isrd.org


Torna indietro


>>> made by Mediaetna