HomeOrto botanicoErbariStrumenti didatticiAmbienti naturaliAmbienti antropiciScienza e botanica
Introduzione
Erbari on line
I raccoglitori
Guida all'erbario

Torna indietro


Dipartimento di Botanica
 

Adriano Fiori (1865 - 1950)

Nacque a Casinalbo, Modena, laureato in Medicina nel 1889, dopo il servizio militare nel 1892 si laurea in Scienze Naturali. Si dedicò esclusivamente a studi botanici, con vaste ricerche sulla flora italiana, svolte presso le Università di Torino e Padova e quindi a Firenze, dove, nel 1913 vinse la cattedra di Botanica Forestale, all’Istituto Superiore di Scienze Forestali. A partire dal 1905 con Béguinot e Pampanini, curò la pubblicazione della Flora Italica Exsiccata, cioè una serie di essiccati che furono distribuiti ai vari Istituti, in tutta Italia e anche all’estero. Fu poi "Curatore onorario" dell’Erbario Centrale Italiano di Firenze. Divenuto nel 1913 titolare della cattedra di Botanica Forestale presso l'Università di Firenze si dedicò attivamente al completamento della "Flora Analitica" in collaborazione con A. Béguinot e successivamente, pubblicò la "Nuova Flora Analitica Italiana" riveduta secondo criteri più pratici. La sua opera fondamentale, scritta in collaborazione con G. Paoletti, è la Flora Analitica d'Italia (1896-1904). Nel 1943 pubblicò inoltre la Flora Italica Cryptogama. L’erbario in PAV probabilmente fu acquisito a Pavia per essere inserito nell’Erbario Generale o, in parte, in quello Lombardo. Nel 1936 si ritira dall'attività accademicae successivamente, nel 1943, fa ritorno al paese natio dove muore il 3 novembre 1950.

Riferimenti
www.dipbot.unict.it
www.unipv.it


Torna indietro


>>> made by Mediaetna