017 Grotta del Coniglio

Trattasi di una galleria di scorrimento. Si scende nella grotta attraverso una spaccatura nella volta, ed è utile in questo punto una scaletta di 5 m che si può comodamente fissare ad uno spuntone di roccia. Si atterra su un cumulo di materiale di crollo, detriti vegetali e spazzatura che occupa un tratto di galleria largo diversi metri, di facile percorso. Il pavimento è costituito da terra accumulata dalle acque piovane, con una superficie pianeggiante e compatta, forata in più punti dallo stillicidio. Nei pressi dell'entrata è osservabile una galleria laterale ingombra per lo spessore di quasi un metro da scorie laviche dispose in guisa di colata che si affaccia sulla galleria principale. Risalendo queste scorie si perviene ad una strettoia che dà accesso ad una piccola sala. Un'altra strettoia, seguita da un ambiente largo e basso si trova all'estremità sud della grotta. Lamine di lava si osservano in tutta la cavità; nel tratto terminale nord si trova un caratteristico rotolo, non molto lungo ma regolare e ben conservato.