026 Grotta del Gelo

La Grotta del Gelo č una galleria di scorrimento che contiene ghiaccio perenne; picozza e ramponi sono di grande utilitā per visitarla comodamente. Si scende in un avvallamento che rimane ingombro di neve sino a primavera inoltrata. Da qui si prosegue nella galleria principale il cui pavimento č interamente costituito da ghiaccio con pietre inglobate e qualche masso emergente. Durante la stagione calda nella zona d'ingresso si forma una larga pozzan_ ghera. Il primo tratto della galleria č pianeg- giante mentre il secondo presenta un ripido pendio ghiacciato. Le pareti e la volta sono piuttosto uniformi e non presentano lamine distaccate nč fenomeni di crollo; numerose sono invece le fratture. Stalattiti e stalagmiti di ghiaccio, a volte saldate tra loro a formare colonne e festoni, si osservano in quantitā variabile durante l'anno. In fondo al pendio si dipartono due cunicoli. Il primo, in direzione est, č lungo circa 30 m ed ha andamento orizzontale. Un secondo cunicolo č diretto a nord, cioč nella stessa direzione della galleria principale. La sua accessibilitā pare non facile e non sempre possibile.Si tratta di un passaggio molto basso e in discesa e il cui pavimento č costituito interamente da ghiaccio. Attraverso di esso si arriva ad una piccola sala nella quale il ghiaccio si presenta solo con alcune incrostazioni. Durante l'eruzione del Marzo 1981 la grotta ha rischiato di essere distrutta. Un ampio pozzo-cratere si č aperto ad circa 10 m ad ovest, uno spesso strato di sabbia vulcanica e lapilli ha coperto i campi di lava circostanti rendendoli irriconoscibili, il ghiaccio si č ritirato dalla zona dell'ingresso ed il suo spessore č diminuito in tutta la grotta.