028 Grotta Marrano

La grotta Ŕ una galleria di scorrimento, di ampie proporzioni, divisa in tre tronconi da due vaste depressioni dovute a crollo, visibili ai due lati della strada. Il tratto centrale Ŕ ampio ma piuttosto basso ed ha il pavimento formato da terriccio. In corrispondenza delle due estremitÓ si notano resti di muri a secco probabili tracce di un antico ovile. Il tratto a monte Ŕ una galleria lunga 25 m, larga 10 m ed alta 6 m, con il pavimento in terra battuta. Vi si giunge scendendo per 5 m lungo un ripido pendio. Il tratto a valle consiste in una galleria alta da 5 a 7 m. Appena entrati si incontra un imponente cono di detriti che occupa il centro della galleria e raggiunge un foro aperto nella sommitÓ della volta. Si prosegue tra grandi blocchi crollati e superato un secondo cono detritico costituito da terriccio proveniente dal terreno sovrastante, si giunge ad una frana di blocchi che ostruisce quasi totalmente il passaggio. Si supera l'ostacolo attraverso una strettoia e ci si trova nella sala terminale della grotta. Il pavimento Ŕ costituito dapprima da materiale di crollo e successivamente da fango alternato a tratti di lava a corde. Prima della strettoia si osservano grossi rotoli di lava ai due lati della galleria. Un notevole stillicidio Ŕ presente in quasi tutta la grotta.